Prima degli Obiettivi viene la Missione di Vita

Per raggiungere i tuoi obiettivi devi prima aver chiara la tua Missione di Vita e cioè il “perché fare le cose”.

Il tema di oggi è molto importante ma non dei più facili… si tratta di andare nel profondo di sé, alla ricerca del grande obiettivo di vita.

“Come posso parlare di ’Missione della Vita‘ ed essere semplice e chiaro al tempo stesso?”; questa è la domanda che mi sono fatto prima di iniziare a scrivere questo post e devo essere sincero: lì per lì, mi sono venuti in mente più dubbi che soluzioni… ma poi ho pensato che aiutarti a scoprire la tua Missione è un gesto troppo importante e mi son detto: “Okay, scrivi rileggi e aggiusta fin tanto che non sarai riuscito a essere Zeniale!”; ci sarò riuscito? Beh, questa risposta la vorrei da te, se avrai voglia di lasciarmi un commento dopo aver letto tutto l’articolo.

In ogni caso, partiamo…

Tutto inizia da un Sogno

La Storia… che Maestra incredibile! Oggi, in particolare, parliamo di “grandi personaggi” della storia… e dei loro sogni:

Martin Luther King sognava un Mondo in cui bianchi e neri potessero convivere senza distinzione di razze.

Albert Einstein sognava di poter camminare su un raggio di luce.

Leonardo da Vinci sognava soluzioni perfette per ogni problema (ricordi la Quadratura del cerchio?)

Come vedi, ognuno di loro aveva un sogno e, se leggi biografie per abitudine, saprai che ogni personaggio degno di essere ricordato è sempre stato guidato da un “Grande Sogno”.

Ora, pensaci un attimo: da che cosa siamo guidati noi “persone comuni”? Perché facciamo ciò che facciamo? Ci siamo scelti il nostro lavoro? Ci svegliamo con la “voglia di fare” o per “mandare avanti la baracca”? Viviamo in uno stato di felicità incondizionata o aspettiamo l’occasione giusta per essere felici?

Viviamo in un mondo che ci assorbe, che viaggia a una velocità “non umana” e che ci ha convinto che i Grandi Sogni non portano da nessuna parte; “meglio essere concreti”, desiderare di avere un posto fisso, 20 giorni di ferie l’anno e qualche “marca” addosso da poter sfoggiare… questo è essere Felici e Realizzati… o, almeno, così ci vogliono far credere!

Per carità, questo sistema di Vita “funziona”, ci permette di vivere, di sentirci di tanto in tanto appagati; ma per quanto riguarda la Felicità… beh, credimi: un simile modo di vivere non può darcela!

Come fare, allora, a trovare questa Felicità?

“Dobbiamo scoprire la Nostra Missione” e iniziare a prendere decisioni in funzione di essa!

Avere una Missione di Vita dà coraggio, determinazione, forza per fare sacrifici e voglia di “aggredire” i problemi per superarli.

La tua Missione di Vita con un esempio

Zenio.it: la Crescita personale resa Semplice, questo è l’obiettivo con cui ho fondato Zenio e con il quale mi approccio alla mia crescita personale. E quale maniera più stupenda di semplificare, se non quella di usare un esempio per spiegare qualcosa??!

Partiamo dalla mia Missione:

Essere Felice e spronare gli altri, soprattutto attraverso l’esempio, a trovare la Felicità nella loro Vita!

Ora, semplificando, la Missione di Vita è quindi il “perché fondamentale” che sta dietro a tutto quello che fai!

Se tu mi chiedessi: “Perché stai facendo sport 5 volte alla settimana? Perché ti svegli presto al mattino? Perché hai fondato Zenio.it? La risposta che ti darei sarebbe sempre la stessa: “Per… Essere Felice e spronare gli altri, soprattutto attraverso l’esempio, a trovare la Felicità nella loro Vita!”

Sono riuscito a essere semplice? Io lo spero, diversamente scrivimi nei commenti e troveremo insieme un “modo nuovo” per spiegare questo potente concetto.

Adesso è arrivato il momento per te di passare all’azione!

Come trovare la tua Missione di Vita?

La Missione trova origine dentro di te e può essere ispirata ai tuoi valori, alla fede, all’amore verso qualcosa o qualcuno, all’ambizione nel volersi realizzare o al desiderio di servire.

Se vuoi, puoi averne una a livello personale e una a livello lavorativo oppure, come nel mio caso, averne una che coinvolga tutto.

Affinché la tua Missione sia veramente “potente”, ecco alcuni consigli:

1)    Ricerca un tono “alto e nobile”; non limitare il tuo scopo di vita a “fare i soldi”, scegli piuttosto di “diventare un imprenditore straordinario e aiutare chi è in difficoltà ad avviare una piccola impresa, facendo leva sulla Felicità”.
2)    Stai attento che riguardi sia il “fare” che “l’essere”.
3)    Cerca di coinvolgere nella tua visione altre persone; anche in questo caso, come poi nella Vita, la solitudine perenne non porta da nessuna parte. L’amicizia è un gran valore, sia nel privato che nel lavoro… tienine conto!

Ora, ti consiglio di prendere il tuo diario o un foglio di carta e iniziare a buttare giù delle idee su quale potrebbe essere il tuo Grande Scopo di Vita; non preoccuparti se non ti “arriverà” subito, questo lavoro può richiedere giorni se non mesi per essere affinato e trovare finalmente quella missione che, ogni volta che leggerai, ti farà ritrovare Energia e Voglia di vivere senza eguali.

Adesso tocca a te…

IMMAGINA E SCRIVI LA TUA MISSIONE DI VITA

Com’è andata, hai trovato subito il Grande Scopo per cui sei al mondo? O senti un po’ di confusione? Non ti preoccupare, in ogni caso, avrai sempre tempo per aggiustare la rotta; ciò che hai fatto oggi, anche se al momento può non sembrare, è un “salto quantico” nella tua Vita, perché hai messo in moto tutta una serie di pensieri di “qualità” dai quali non potrai più staccarti.

D’ora in poi, quando non riuscirai a fare qualcosa o incontrerai dei problemi, ricordati di pensare alla tua Missione, al “perché” vuoi fare quello che devi fare. Se farai ciò, anche la “salita più dura” diventerà possibile e tu diventerai una fonte di energia per te e per chi ti sta intorno.

In tutto ciò, che ruolo giocano gli Obiettivi?

Gli obiettivi rappresentano i “punti precisi” che dovrai toccare per riuscire a viaggiare verso la realizzazione della tua Mission.

In pratica, si tratta di un circolo virtuoso in cui gli obiettivi ti dicono “cosa devi fare” e la tua Missione ti dice il “perché lo devi fare”; e, in questo flusso, obiettivi e Mission si fondono in maniera indissolubile regalandoti Energia, Passione, Determinazione e, soprattutto, Concretezza!

Ma di obiettivi, di come sceglierli e soprattutto di come raggiungerli, parleremo in un altro post!

Se ti va, condividi nei commenti la tua Missione! Chissà, magari tra gli altri che commenteranno troverai qualcuno che potrà veleggiare insieme a te verso la tua meta di vita.

Ti saluto con un sorriso,
Christian Roncarolo

P.S. Se non l’hai ancora fatto, ti consiglio di iscriviti alla newsletter di Zenio.it per essere avvisato dell’uscita di ogni nuovo articolo e per ricevere consigli sulla tua crescita personale. E se il post ti è piaciuto, please, condividilo sui Social usando i tasti qui sotto.

Foto di: Roadsidepictures

L’anno migliore della tua Vita – Parte 2

Quest’anno, vuoi realizzare i tuoi obiettivi, crescere personalmente, sentirti in forma e riconquistare la tua Felicità? Ascolta i consigli di Robin Sharma.

Oggi siamo alla seconda parte del post dedicato all’Anno migliore della tua Vita; parleremo nuovamente dell’importanza dell’esercizio fisico e del fondamentale “Sistema di programmazione settimanale” che fungerà da navigatore in grado di guidarti verso i tuoi obiettivi.

Ho ricevuto qualche mail privata e un paio di commenti alla prima parte di questo post: erano tutti entusiasti e di questo sono molto grato; allora “spazio” a questa seconda parte, altrettanto fondamentale, che spero troverai utile come la precedente.

Prima di iniziare, ho per te due citazioni Zeniali; leggile e risveglia in te l’Energia necessaria per trarre il meglio da questo post:

“In questo preciso momento, se non stai provando timore nelle tue scelte, vuol dire che non stai crescendo”

Personalmente, questa citazione mi ha fatto parecchio riflettere ed è per questo che ho deciso di scriverla su un foglio e attaccarla alla lavagna che sta di fronte alla mia scrivania, affinché possa ispirarmi nelle decisioni che prendo ogni giorno.

La seconda citazione, che ho scritto sullo stesso foglio, è:

“Più ti spingi verso i confini dei tuoi limiti più essi si espanderanno”

Ricordati che, quando ti spingi verso i tuoi limiti proverai sempre paura, ma essa tenderà a sparire dopo qualche settimana, lasciando un senso di “agio” laddove oggi senti “paura”… e così i tuoi confini si espanderanno!

Per questo motivo devi (dobbiamo tutti!) spingerti verso la paura e capire che essa è solo uno straordinario stimolo per farti crescere con velocità ed efficacia senza eguali.

Spero che ciò di cui abbiamo appena parlato ti abbia dato, così come ha dato a me, quella voglia di “cavalcare l’onda della Paura!

E adesso, continuiamo a costruire l’Anno migliore della tua Vita!

3. Nuova serie di esercizi fisici

Abbiamo già visto al punto due come sia importante iniziare la giornata facendo 20 minuti di esercizio fisico; se ti ricordi, così facendo inondi il tuo corpo di tutti quegli ormoni responsabili del tuo benessere per tutto il resto della giornata. Non male, no?

Al punto tre ecco quindi una nuova serie di esercizi fisici, ovvero altri 20 minuti dedicati al tuo benessere e non solo…

“Se sai trasformare la tua forma fisica, sai trasformare anche il tuo Business”

Non è una deduzione immediata, ma nel coltivare il tuo benessere fisico, sviluppi anche la mentalità dello sportivo e quindi di quello disposto a faticare per i suoi obiettivi, che non si arrende ai primi “dolori”, che collabora con gli altri per un “podio comune”, ecc…

Inoltre, come forse avrai notato nelle persone che praticano sport con regolarità, acquisirai maggiore sicurezza, positività, forza, determinazione e i tuoi livelli di stress caleranno sensibilmente, anche se i problemi dovessero aumentare.

Ma io di fare sport proprio non ne ho voglia”… se vorresti dirmi questo, che ne dici allora di fare una passeggiata? Esatto, anche passeggiare ti darà dei benefici (per esperienza, specifico “dei” e non “gli stessi”, perché praticare sport eleva ogni risultato a potenza); il consiglio qui è, se ti è possibile, di fare due passi in mezzo alla natura, magari dopo aver lavorato e prima di andare a casa. Camminare ti permette di riflettere, di fare il punto sulla giornata, di inondare i tuoi polmoni di ossigeno e di scaricare lo stress (potere della natura, dei suoi colori, della sua energia).

(Se hai già letto la parte 1 di questo articolo, può essere che tu abbia già messo in pratica i primi due punti e iniziato a provare i benefici derivanti dall’attività fisica! Nel caso, saresti così gentile da condividere con me e gli Amici di Zenio la tua esperienza? Potresti così ispirarci a migliorare le nostre vite a partire da Ora!)

4. Sistema di programmazione settimanale

Devi diventare un maestro della programmazione e della gestione del tuo tempo. Perché? La risposta è che tutti i Leader, dallo sportivo al benefattore, dal business man all’astronauta hanno in comune la capacità di saper gestire al meglio i loro obiettivi e il loro tempo.

“Le cose che si programmano sono le uniche che si fanno”

In questa parte del post vedremo come programmare la tua settimana e riuscire a fare giornalmente passi avanti nella direzione dei tuoi obiettivi annuali.

Alt, c’è un problema: questa parte non è proprio facile da spiegare a parole! E allora come fare? Beh, credo sia arrivato il momento di lasciare la parola a Robin in persona (ti avevo promesso una sorpresina, no?)

(Nb: la parte relativa alla programmazione settimanale la trovi dal minuto 11.45. Ma io ti consiglio di guardarlo tutto, più e più volte!)

Prima di lasciarti, diamo retta ad un detto latino che diceva “repetita iuvant” e rivediamo i suggerimenti utili che Robin ci ha lasciato

Suggerimenti utili per creare l’Anno migliore della tua Vita

  • Quest’anno, impegnati a essere un fuoriclasse nel lavoro. Non accontentarti di essere nella media, puoi esprimere la tua Zenialità. Usa il tuo lavoro per fare del bene agli altri e diventa un modello da seguire.
  • Tieniti in forma. Impegnati a fare più fitness: ti sentirai meglio, avrai più energia e acquisirai più auto-stima
  • Investi nella formazione, cerca soltanto il meglio del meglio, leggi tanto e partecipa ai corsi dal vivo. Considera la formazione come un investimento e non come un costo. Ricordati Peter Drunken: “Concentrati sul valore, non sul prezzo!”
  • Non rimandare al prossimo anno la Vita che ti meriti. Ogni cambiamento all’inizio crea caos e fa paura, ma ricordati che ti basteranno 40 giorni per raggiungere un livello che mai avresti immaginato. E quello che oggi ti fa paura diventerà qualcosa che farà parte della tua vita tra soli 40 giorni.

“Quest’anno hai una missione, cambiare il mondo!”

Un caloroso saluto,
Christian Roncarolo

P.S. Come sempre, se hai qualche consiglio o se vuoi dirmi la tua sul post che hai appena letto, puoi lasciarmi un commento qui sotto. Se poi vuoi fare un Regalo a me e al Team di Zenio, puoi condividere il post (tramite i pulsanti social qui sotto) e aiutarci così a crescere facendo conoscere ai tuoi contatti Zenio.it.

Foto di: constantcontact.com

L’anno migliore della tua Vita – Parte 1

Quest’anno, vuoi realizzare i tuoi obiettivi, crescere personalmente, sentirti in forma e riconquistare la tua Felicità? Ascolta i consigli di Robin Sharma

Qualche tempo fa, ho trovato segnalato sulla pagina Facebook di una mia amica, un video dal titolo “L’anno migliore della tua Vita”; ho salvato quel link sapendo che l’avrei visto al termine della mia giornata, come premio per il lavoro svolto.

L’autore è Robin Sharma, un noto formatore nel campo della Leadership, che ha scritto diversi libri e che, devo ammetterlo, personalmente adoro.

Tornando al video, la sera stessa in cui lo trovai, presi in mano il mio diario per gli appunti e iniziai a guardarlo; come lo trovai? Splendido, di una chiarezza straordinaria, una vera “botta” di energia… Tanto che, dopo, non fu facile prendere sonno 🙂

Oggi sono qui a proporti il riassunto che scrissi quel giorno sul diario, così che tu possa nutrirti di quelle informazioni e trarne vantaggio, come capitò a me.

Non sono Robin Sharma e sicuramente non avrò il suo stesso carisma nell’esprimermi, ma, credimi, in questo post (e nella seconda parte che leggerai tra qualche giorno) ho dato il meglio di me stesso per comunicarti la stessa passione e la stessa energia che ho ricevuto quando ho guardato quel video.

Iniziamo, ecco: l’anno migliore della tua Vita in 4 Punti!

1. Crea il tuo PIANO DI UNA SOLA PAGINA

“La chiarezza precede le competenze. La chiarezza è Potere” R. Sharma

Non riuscirai mai a colpire un bersaglio che non vedi. Tutti i grandi atleti e personaggi di successo hanno una cosa in comune: una visione unidirezionale verso il loro obiettivo e sono concentrati in maniera quasi maniacale su di essa.

Senza questa visione, senza questa voglia quasi ossessiva di ottenere quel risultato, non avrai le energie e la chiarezza necessaria a concretizzare i tuoi obiettivi e gli “imprevisti lungo il percorso” potrebbero portarti a desistere nel tuo percorso.

Il tuo piano di una sola pagina condensa e semplifica tutte le cose importanti che desideri per quest’anno.

Dopo averlo scritto, rileggilo ogni 7 giorni e adotta le misure necessarie per mantenerti in linea con quanto hai stabilito.

1) Nel primo paragrafo scrivi la tua “visione ideale”: se tutto andasse alla perfezione, se non avessi limiti e tutto fosse possibile, cosa avrai realizzato entro fine anno a livello personale, lavorativo, familiare, fisico, economico, ecc? Lascia andare la mente e scrivi sul foglio “il fantastico film” che vedi nel tuo cervello;

Non preoccuparti se le idee saranno un po’ confuse, potrai sistemare e semplificare tutto in un secondo momento. L’importante, ora, è che tu scriva la visione dell’anno magnifico che ti aspetta.

2) Nel secondo paragrafo scrivi i tuoi 3 valori più preziosi: vivere rispettando i nostri valori ci darà energia e ispirazione. Alcuni esempi di “valori” che potresti voler scrivere ai quali potresti ispirati sono: amore, rispetto, divertimento, crescita, solidarietà, stimolo, sacrificio, bellezza, semplicità, sincerità, libertà, ecc…

3) Nell’ultimo paragrafo, indica i tuoi 5 obiettivi più importanti: quali sono quei progetti che, realizzandosi, ti daranno la netta percezione di aver vissuto un anno straordinario? Importante: devono essere obiettivi sia a livello lavorativo che personale! (Robin non ne parla, ma io ti suggerisco anche di mettere una data entro la quale realizzerai ognuno dei tuoi obiettivi, così facendo “non arriverai lungo” e ti faciliterai il passaggio successivo).

Fatto ciò, hai bisogno di stabilire degli obiettivi intermedi che Robin suggerisce siano trimestrali; fatto ciò, ogni fine settimana, fai il punto sul tuo diario e stabilisci cosa fare nella settimana successiva per avvicinarti sempre di più al tuo prossimo obiettivo intermedio.

(Nota Zeniale: non farti problemi se non riuscirai sin da subito a trovare la forma migliore per il tuo piano di una sola pagina; chiarire le idee, capire cosa realmente vogliamo, semplificare i passaggi necessari, sono tutte attività che richiedono tempo e riflessione; oggi fai il primo importante passaggio, cioè scrivere il Piano, e nei giorni a venire ti “preoccuperai” di organizzarlo e perfezionarlo. Ricordati, dobbiamo trarre Energia da questo processo e non frustrazione perché non siamo “perfetti”).

2. Svegliati presto per la tua Ora sacra

Svegliarsi presto è una delle abitudini più straordinarie che puoi coltivare per modificare in meglio la tua Vita.

Robin non ti invita a valutare se iniziare o meno a svegliarti presto, ma ti dice “Fallo oggi!”; qualsiasi sogno può avere inizio oggi, ricordando la formula del successo:

“Sogna in grande, inizia in piccolo, agisci ora”

L’ora sacra sarà il tuo rituale quotidiano; tutti i grandi Leader, dal campo finanziario a quello umanitario, hanno dei propri rituali che gli hanno permesso di arrivare dove sono, senza affidarsi alla sola forza di volontà.

La sveglia sarà alle ore 5:00. Okay, non sarà facile nei primi giorni cambiare le tue abitudini… ma ricordati che, grazie al potere neuropatico della tua mente, questa nuova abitudine diventerà automatica dopo circa 14 giorni che ti impegnerai nel portarla avanti.

Una volta che sarai in piedi, ti potrai dedicare alla tua “Ora sacra” che ti preparerà ad affrontare al meglio la tua giornata. Questo rituale è seguito da molti personaggi di successo e Leader, come ad esempio Michale Giordan.

Vediamo come usare quest’Ora:

• 20 minuti di Sport. Crolli il mondo per i primi 20 minuti fai sport; inonderai così il tuo corpo di endorfine, serotonina, dopamina e noradrenali che sono gli ormoni del benessere; essi ti regaleranno più concentrazione, che una delle capacità più fondamentali per poter raggiungere i nostri obiettivi.

Quali altri benefici porta lo sport? Ti fa sentire più felice, sereno, ispirato e l’ispirazione crea il mondo; indipendentemente dalla situazione che ti circonda, dai problemi, dalle sfide, tu saprai di raggiungere i tuoi obiettivi; inoltre ti rilasserà e ti darà un sacco di energia che ti regalerà un vantaggio competitivo sugli altri.

Se non sai da dove iniziare, leggi “Siamo tutti nati per correre” per iniziare facilmente a praticare sport per eccellenza: la corsa!

• 20 minuti di crescita personale (= Impara). Tutte le persone di successo non smettono mai di imparare, possiedono tanti libri, investono in sessioni di coaching perché si rendono conto che 10.000 $ investiti in formazione renderanno 5 milioni di $.

Quindi impara, investi in libri, corsi audio e video, investi in corsi online e soprattutto investi per partecipare ai corsi dal vivo perché hanno un grande impatto.

“Anche una sola idea, messa in pratica in modo impeccabile, può cambiarti la Vita” R. Sharma

• 20 minuti di Diario. Il Diario è uno strumento fondamentale per crescere a livello lavorativo e personale; per questo motivo, più avanti, gli dedicherò un post a parte. Nel frattempo, ti consiglio di averne uno sempre con te e di scriverci sopra tutte le idee/informazioni di cui vuoi tenere traccia.

Perché dedicare 20 minuti ad un Diario giornaliero? Perché ti permette di rivedere il programma della giornata, di rileggere ciò che hai scritto e di tenere traccia dei tuoi sogni.

Dedica poi qualche minuto, ogni domenica mattina, a scrivere dei brevi pensieri di gratitudine; la gratitudine stimola le endorfine e ti fa sentire felice e inizi a notare intorno a te quelle piccole cose a cui non facevi neanche più caso;

[divide]

Ecco svelati i primi 2 dei 4 punti per creare “l’Anno migliore della tua Vita”; nel prossimo post scoprirai gli altri due, più una piccola sorpresa che ho pronta per te 😉

Prima di lasciarti, ho una domanda da farti: hai trovato utile questo post? Vorrei sapere la tua e capire come far crescere Zenio per renderlo sempre più Utile e Semplice (puoi lasciarmi un commento qui sotto). Se poi il post ti è piaciuto, ti chiedo di condividerlo sui social network, tramite i pulsanti che trovi qui sotto; in pochi istanti avrai così contribuito a far crescere questo progetto e avrai qualche riga del mio diario dedicata a te, quando mi ritroverò la prossima domenica mattina a scrivere i miei “pensieri di gratitudine” 🙂

Christian

Foto di: Robin Sharma

I miracoli del Ph Alcalino

Come stare in Forma e avere Energia seguendo una Dieta in “equilibrio”, da un punto di vista un po’ particolare: quello acido-basico.

Oggi parleremo di qualcosa di davvero importante e anche affascinante. Come in ogni articolo, ti darò informazioni semplici e pratiche (Zeniali) per poter trarre vantaggio da ciò che avrai appena letto.

Prima però, perdonami, è doveroso che io ti spieghi velocemente alcune informazioni tecniche utili a capire perché avere un Ph Alcalino è così fondamentale.

Molti di noi non sanno (e anch’io l’ho scoperto solo pochi anni fa) che il nostro corpo è un sofisticatissimo motore che va ad elettricità.

Tutte le nostre cellule si nutrono e comunicano tra di loro grazie a un sofisticato sistema di impulsi nervosi e questi non sono nient’altro che impulsi elettrici.

Ora, come immaginerai, per vivere bene e in salute le nostre cellule devono essere sane; perché ciò succeda bisogna che ricevano la corrente elettrica che permetta loro di nutrirsi, ripulirsi e comunicare.

La domanda è: ma da dove arriva questa elettricità? Dall’equilibrio tra l’acidità e l’alcalinità presente nel sangue.

Per misurare questo equilibrio, si usa la scala del Ph: un Ph 0 indica una sostanza completamente acida, un Ph 14 una completamente alcalina, mentre Ph 7 rappresenta “l’equilibrio” e cioè “Ph neutro” (se ripensi a certe pubblicità, ricorderai frasi come “Ph 5.5, rispetta la naturalità della tua pelle”; ecco, adesso sai meglio cosa significa).

Per produrre la giusta corrente e vivere in salute, il Ph ottimale del tuo sangue dovrebbe essere di poco superiore a 7.

Ora, la domanda che potresti farmi è: “Christian, ma come faccio a sapere quant’è il mio Ph?”. Se ultimamente hai fatto gli esami delle urine, ti basterà dare un’occhiata al referto per trovare il valore di cui stiamo parlando; diversamente, potresti andare in farmacia e comprare delle “cartine tornasole” con le quali effettuare il test direttamente a casa tua. Tuttavia, queste striscette sono diventate care e io non ti consiglio di fare alcun test.

Tra poco ti svelerò alcuni consigli che potrai seguire per portare il tuo Ph a livello ottimale, senza bisogno di test.

Ma prima, voglio proprio convincerti di quant’è importante che tu prenda sul serio questo argomento!

I problemi di salute causati da un Ph Acido del sangue

Quando nel tuo corpo l’equilibrio acido-base si sposta verso l’acidità, inizia il fenomeno di coagulazione del sangue; una cattiva circolazione causa da subito una carenza di ossigeno alle cellule, che così si affaticano e iniziano ad ammalarsi, morendo prima del tempo.

E cosa succede quando le cellule muoiono? Rilasciano altro acido nel sangue che dà inizio al processo di acidificazione (un Ph quindi inferiore a 7). Ciò che più deve preoccuparci, è che un sangue “acido” rappresenta l’ambiente ottimale dove i germi possono crescere e duplicarsi.

Non andando nel tecnico, ecco un elenco delle principali patologie favorite, se non causate, da un Ph acido del sangue:

Obesità
Diabete
Cancro
Malattie renali
Influenza
Artrite
Allergie
Osteoporosi
Pressione alta
Mal di testa
Malattie Cardiovascolari
Ecc.. via

Dando per scontato che tutti vogliamo tenere alla larga queste malattie, vediamo come comportarci nella vita di tutti i giorni per avere un corretto “rapporto acido-base”.

Come “alcalinizzare” il proprio corpo?

Ecco una guida rapida su  “cosa fare” per portare il Ph del tuo sangue a livelli ottimali.

  • Bevi un bicchiere di acqua ogni ora. Spesso non ce ne accorgiamo, ma beviamo veramente poco, anche meno di un litro al giorno. Se prenderai questa semplice abitudine di bere un bicchiere di acqua ogni ora, non ti sarà difficile arrivare a bere 2/2,5 l al giorno, che rappresenta un apporto ottimale di fluidi. Ricordati anche di guardare l’etichetta dell’acqua e di sceglierne una a basso residuo fisso (sotto 25 mg/litro), così favorirà la diuresi ed eviterà problemi renali.
  • Per quanto riguarda il cibo, cerca di ridurre il consumo di prodotti animali (carne e latticini), di quelli raffinati e di quelli contenenti additivi e conservanti; chi più chi meno, sono tutti responsabili dell’aumento dell’acidità del tuo sangue. Aumenta invece il consumo di vegetali (frutta e verdura), preferibilmente crudi così da mantenere intatte le vitamine presenti all’interno. Per aiutarti nella scelta di cosa mangiare, scarica questa tabella con i valori di Ph dei cibi e dei liquidi.
    Quando scegli il tuo menù per il pasto, cerca sempre di avere almeno un cibo fortemente alcalino e, se riesci, almeno un giorno alla settimana, assumi esclusivamente frutta e verdura.
  • Fai esercizio fisico con l’obiettivo di arrivare a 5 sessioni alla settimana da 1 ora (se non stai facendo movimento, ricordati che si deve procedere per gradi! Iniziare con 2 sessioni alla settimana di camminata veloce può andare più che bene. Inoltre, puoi leggere “Siamo tutti nati per correre” e prendere spunto da lì per iniziare). Il movimento metterà il turbo ai risultati del tuo nuovo stile di alimentazione e inonderà il tuo corpo di serotonina, dopamina e altri ormoni che sono i responsabili del tuo benessere e buon umore. Quali sport scegliere? Io ti consiglio di alternare, così non ti stuferai mai e allenerai in maniera più completa il tuo fisico; valuta sport come corsa, bici, nuoto, ballo, yoga, pesi, pilates, ecc.
  • Cerca di rilassarti, di ridere molto e di non prenderti troppo sul serio… la Vita va vissuta come se fosse una magnifica onda e noi degli appassionati serfisti con la voglia di cavalcarla: cadremo tante volte, ma l’emozione che proveremo quando riusciremo a salirci sopra ci ripagherà di tutti gli sforzi fatti!

Se vuoi approfondire e conoscere più strategie per alcalinizzare il tuo corpo, ti consiglio il libro di uno dei massimi esperti in materia di PH Alcalino: “I miracoli del Ph alcalino” del dottor Robert O. Young.

Per questo post è tutto; come sempre, se hai voglia di condividere la tua esperienza, i tuoi successi, ma anche i tuoi errori, sarò ben contento di leggerti e risponderti nei commenti. E se il post ti è piaciuto, ti chiedo di aiutarmi a far crescere Zenio, condividendo questo post tramite i pulsanti social che trovi qui sotto.

Un sorriso ai Miracoli del Ph Alcalino,
Christian

4 passi per gestire le mail in maniera Zeniale

Il mio sistema di gestione mail: grazie a lui, ormai da anni, uso la posta elettronica in maniera professionale, senza stress e con un’alta produttività. Scopriamolo insieme…

Messaggi da amici, buoni sconto, comunicazioni da parte di colleghi, lettere d’amore… attraverso le mail riceviamo ormai di tutto e di conseguenza sono diventate una parte fondamentale del nostro stile di vita quotidiano

C’è un “però”: il fatto che siano veloci da creare e soprattutto a costo zero, ha portato quasi tutti noi a farne un uso smodato. E così, ecco riempirsi le nostre caselle di posta con 10/20 messaggi (per alcuni, come il sottoscritto, anche 100 messaggi) al giorno.

Come fare per gestire al meglio la posta elettronica?

Avendo a che fare con molte mail al giorno, per anni mi sono dedicato a cercare la soluzione più efficace alla gestione di questo flusso crescente di messaggi. Devo dire che ho provato di tutto, dal metodo super minimale a quello che prevede l’uso di software in grado di auto-programmarsi in base alle tue esigenze…

Inutile dirlo, il risultato non fu quello che speravo…

Alla fine, dopo diverse prove e anche tanti errori, ho trovato un metodo tutto mio (diciamo Zeniale 🙂 ) che oggi mi permettere di godere al massimo dei benefici delle mail senza farmi sopraffare dalla loro quantità.

Adesso condividerò con te il mio “Manuale di gestione mail”; come mi piace spesso dire, “prendi quello che ti serve e lascia il resto”.

I 4 passi per la gestione delle mail

1. “Apri il programma solo al momento giusto”. Per anni ho tenuto il programma di gestione mail sempre aperto, così da sentire un suono all’arrivo di ogni nuova comunicazione.

Quando le mail sono iniziate ad aumentare, sembravo una pallina da flipper che continuamente “sbatteva” tra il programma di mail e la schermata dove lavoravo .

Questo pratica non fa altro che interrompere continuamente la nostra attenzione e renderci inefficaci.

Oggi, apro il programma di posta 3/4 volte al giorno e non dedico più di 1 ora e mezza alla gestione delle mail. Se tieni conto che lavoro sul web e ricevo mediamente più di 50 messaggi di posta al giorno, capirai come il metodo che sto per mostrarti potrebbe aiutare anche te a risparmiare parecchio tempo.

2. Il primo passo si chiama “Cestino”. Quando apri il programma di posta, ti consiglio di impostarlo in modo da visualizzare solo il mittente e l’oggetto del messaggio (per capirci, non impostare la funzione “anteprima”).

Nella maggior parte dei casi, non ti servirà altro per capire se una mail può essere buttata o meno.

Nel dubbio, passa alla prossima mail; tornerai a valutare questa e le altre mail eventualmente scartate nella fase di “processazione”, in cui avrai sott’occhio l’intero testo della mail per poter decidere cosa fare.

Ci tengo a sottolinearlo: la capacità di sapersi sbarazzare di tutto ciò che è superfluo deve essere allenata con costanza; meno cose hai, più sarà facile e veloce evadere le mail e ritrovare quelle di cui avrai bisogno.

3. “Archivia” subito ciò che puoi. Usando lo stesso criterio che abbiamo visto prima per “cestinare”, decidi guardando solo il “mittente” e “l’oggetto”, quali mail possono essere archiviate senza un’ulteriore lavorazione (cioè che non richiedono nessuna azione da parte tua).

Alcuni esempi di queste mail: i biglietti del cinema che hai acquistato, una ricetta, una newsletter, l’estratto conto della banca, ecc.

Ma come archiviare? Su questo punto ho lavorato a lungo, facendo molte prove e, come ti dicevo, tanti errori… Ad oggi posso dire che, il sistema a tre cartelle che sto per mostrarti, è l’unico ad aver risolto tutti i miei problemi: mi permette di ritrovare tutto ciò di cui ho bisogno e soprattutto è veloce da usare .

Le tre macro-cartelle di archiviazione:

  1. Progetti: cosa intendo col termine “progetto”? Una qualunque attività che richiederà di archiviare più di 5 mail. Il consiglio è quello di creare una sottocartella di “Progetti” e di nominarla col con il nome del progetto stesso. E se un’attività richiede meno di 5 mail? In questo caso, evito di creare un progetto e archivio quelle poche mail nella cartella “Follow Up”;
  2. Follow Up: qui inserirai tutte quelle mail che vuoi tenere a portata di mano perché ti serviranno a breve. L’esempio può essere quello dei biglietti del cinema acquistati online o una mail di una ricetta che vuoi preparare la sera stessa.
  3. Archivio: qui sposterai le cartelle dei progetti, una volta che saranno terminati, e archivierai tutte le mail che non appartengono a nessun progetto ma di cui vuoi tenere traccia.

4. “Processa” tutto il resto. Ora, se hai svolto bene i punti precedenti, dovresti trovarti con molte meno mail da gestire e questa situazione dovrebbe darti più serenità nell’affrontare la fase di “processazione” vera e propria.

Le mail che sono rimaste nella tua in-box, se hai fatto bene il lavoro, dovrebbero tutte prevedere una tua azione: una risposta, stampare e archiviare o una valutazione più approfondita per decidere cosa farne.

Come procedere? Ho dovuto sbattere parecchie volte il naso prima di trovare una risposta a questa domanda, perché di tecniche relative a questa fase ne ho scoperte tantissime: usare un timer, scrivere non più di 200 parole, installare software di auto-compilazione testo, ecc…

Come spesso accade però, la “chiave” per rispondere stava nella capacità di: semplificare!

Ecco quindi come processare ogni mail:

  1. Aprila, in maniera da visualizzarla per intero
  2. Decidi cosa fare (rispondere, archiviare o cestinare) e fallo immediatamente; nel caso tu abbia “risposto”, archivia subito la mail
  3. Passa alla successiva e ricomincia il processo dal punto 1 di questa lista
  4. Avanti così, finchè la tua casella di posta non sarà vuota

Questo è il mio sistema di gestione mail; grazie a lui, ormai da anni, gestisco la posta elettronica in maniera professionale, senza stress e con un’alta produttività.

Cosa ne pensi, potrebbe diventare anche il tuo sistema di gestione delle mail? Hai suggerimenti? Mi piacerebbe “sapere la tua” qua sotto nei commenti. Se poi l’articolo ti è piaciuto, puoi farmi un regalo “condividendolo” sui social network e contribuendo così anche tu a far conoscere Zenio nel Mondo del Web

Ti auguro una splendida giornata,
Christian

Foto di: Micky

Siamo tutti nati per correre

Energia costante, meno stress e più felicità? La corsa può darti tutto questo. Vediamo come iniziare, cosa serve, i benefici e come fare se ”manca la voglia”.

Nella foto qui accanto ci sono io, al km 20 della mia ultima mezza maratona.

Non corro per competere o per dimostrare qualcosa agli altri, ma solo perché ho avuto la fortuna di scoprire quanto la corsa abbia un magnifico impatto su diversi aspetti della nostra vita.

L’uomo primitivo, quello da cui discendiamo, doveva muoversi diverse ore al giorno per cercare cibo, fuggire dagli animali, trovare un nuovo rifugio. Il movimento fisico, dunque, lo accompagnava in ogni momento della vita.

Ora, quell’uomo che si muoveva ogni giorno per molte ore, non si è estinto ma anzi si è evoluto fino a diventare… noi, io, te! Questo è sufficiente a farci capire che la normalità della nostra esistenza, come evoluzione di quell’uomo, è caratterizzata da un’intensa attività fisica giornaliera.

Benefici della corsa

Sono certo che il tuo stupore sarà alto nel leggere quanti benefici è in grado di dare la corsa. Quello che però ti stupirà ancora di più sarà vedere con che facilità potrai ottenerli! Ma di questo ti parlerò più avanti nel paragrafo sul “Come iniziare a correre”.

Vogliamo vedere alcuni dei principali benefici?

  • Miglioramento del metabolismo
  • Ottimo effetto antidepressivo
  • Eliminazione delle scorie attraverso il sudore
  • Miglioramento della qualità del sonno
  • Forte consumo degli accumuli di grasso
  • Aumento della massa muscolare in generale
  • Riduzione del rischio di infarto
  • Riduzione dello stress
  • E in più, una sana voglia di Sorridere

Se deciderai di iniziare a correre, devi sapere che stai andando verso ciò che naturalmente il tuo fisico ti chiede; e se nei primi giorni di fatica e piccoli dolori potrà sembrarti il contrario, ti basterà un po’ di forza di volontà per andare avanti e capire che è proprio così: il tuo fisico vuole muoversi… e specialmente correre!

Cosa serve come materiale?

Contando che non dovrai correre per fare agonismo ma per sentirti bene, l’attrezzatura che ti servirà è:

  • Maglietta
  • Pantaloncini
  • Orologio con cronometro
  • Scarpe

Almeno inizialmente, non ti servirà altro! Relativamente a quali materiali scegliere, ti dirò che è solo una questione di soldi e ti invito a non sprecarne seguendo le mode del momento. Potrai usare abbigliamento “in disuso” che già hai o andare, per esempio, da Decathon e farti un completo da sport con circa 30 €.

L’unico aspetto dove sicuramente merita farsi consigliare e spendere qualcosa di più sono le scarpe: ti consiglio di andare in un negozio specializzato in corsa o running  (cerca “negozi running + nome tua città” su google). Un ottimo paio di scarpe da corsa può costare tra i 90,00 € e i 140,00 €, ma ti posso assicurare che saranno soldi investiti bene!

Come iniziare a correre?

Il primo consiglio è quello di correre all’aperto: respirare aria fresca e poter cambiare di tanto in tanto i nostri percorsi rende la corsa più piacevole e quindi sarà più facile trovare la motivazione.

Riguardo a quanto tempo allenarsi, il consiglio è quello di correre per un tempo che va dai 30  ai 40 minuti al giorno. Pare che sia l’allenamento ottimale: correndo di più si rischiano lesioni/traumi mentre correndo di meno non si dà il tempo al fisico per attivare a livello profondo la crescita muscolare e la metabolizzazione dei grassi da perdere.

Un altro consiglio è poi quello di imparare a modulare la corsa in modo che la tua frequenza cardiaca vari in maniera considerevole. Perché questo consiglio? Semplicemente perché questo ti permetterà di ottenere più velocemente risultati a livello di forma fisica. Come fare a cambiare spesso andatura? Semplicemente facendo brevi scatti o approfittando degli eventuali sali-scendi del terreno.

Un altro consiglio importate? Fai le cose gradatamente e non usare la tua forza di volontà per esagerare, mai! La corsa, o in generale l’attività fisica, danno tutti i suoi benefici quando diventano parte integrante delle nostre giornate. E per riuscire a fare ciò, serve che il post allenamento ci regali benessere e non dolori incredibili in grado di farci pensare “non lo farò mai più”.

E quando manca la voglia?

Oggi, dopo ormai anni che corro, l’idea di non uscire a farmi una corsetta sarebbe come quella di saltare un pasto quando ho fame. Ma non è sempre stato così…

Per anni ho avuto una vocina interiore che mi diceva: “Farà bene correre, ma per oggi Zero Voglia… recupererai domani”.

In quei momenti adotto questa tecnica: mi impegno ad andare a correre per cinque minuti e, se ancora non ne ho voglia, mi fermo. In tutte le volte che ho adottato questo modo di fare è successo che alla fine mi sentivo così vivo e bene che ho continuato il mio normale allenamento.

Oggi corro 4/5 volte alla settimana, a volte in palestra, a volte lungo il fiume Po e a volte per le belle colline Torinesi. Ogni volta che tiro fuori le mie scarpette è come se scattasse in me una molla che mi dice “Adesso hai un’ora tutta per te: un’ora per staccare dal solito tram-tram, un’ora per sentire il tuo fisico sano e carico di energia”. Questa è una delle mie certezze e una di quelle routine che mi fa vivere bene la giornata!

“La corsa è la regina di tutti gli esercizi” Bruce Lee

Ti auguro buona corsa e, se l’idea ti piace, lascia un commento qui sotto per dirci quello che pensi o per raccontare la tua esperienza.

Christian

Circondati di Citazioni importanti

Oggi vediamo come le citazioni, sia di grandi personaggi sia di gente comune, possono aiutarci a mantenere alta la motivazione, anche nei momenti più difficili!

Ma prima, ecco alcune delle mie citazioni preferite:

  • “Ciò che fai parla così forte che non riesco a sentire ciò che dici” R.W. Emerson
  • “Che tu pensi di farcela o di non farcela avrai comunque ragione” E. Ford
  • “Non è la specie più intelligente a sopravvivere e nemmeno quella più forte. E’ quella più predisposta ai cambiamenti” C. Darwin
  • “ Un passo alla volta mi basta” Gandhi

Le citazioni hanno in sé un potere straordinario: riassumere, in poche righe, una saggezza in grado di aiutarci e che può aver richiesto anni di esperienze, errori ed impegno.

Non ricordo bene da quale libro imparai a tenere un diario delle citazioni, fatto sta che oggi ne ho una bella collezione.

Quanto sento il bisogno di ispirazione o quando sento le sfide più grandi di me, prendo il blocchetto dei post-it, un bel pennarello colorato e inizio a ricopiare le citazioni che sento per me preziose in quel momento. Fatto ciò inizio ad attaccare questi foglietti nei posti in cui mi serviranno, come ad esempio sul frigo se dovrò ricordarmi di rispettare la dieta, allo specchio se sento di aver bisogno di un supplemento di autostima quando mi guardo o al computer se ho bisogno di ricordarmi che rimanere focalizzati è la chiave del successo.

Che ne dici di iniziare oggi stesso a creare il tuo archivio delle citazioni, così da averle pronte nel momento in cui ne sentirai il bisogno?

Come creare il tuo archivio delle citazioni

Per farlo puoi usare un Metodo Zeniale, così avrai risultati da Genio con una semplicità Zen:

  1. Crea un file di word sul tuo computer e chiamalo “Citazioni”; inizia a scriverci dentro le prime che conosci, senza pensare all’ordine o a come organizzarle;
  2. Per velocizzare la creazione del tuo primo archivio, vai su google e digita chiavi di ricerca come “Citazioni” o “Aforismi”; analizza i siti che trovi e riscrivi nel tuo file le citazioni che trovi interessanti; il mio consiglio è quello di non fare copia e incolla, ma appunto di “riscriverle” digitando sulla tastiera; così facendo le parole scorreranno nella tua mente in maniera più lenta e “pesante” e sarà più facile per te mantenerne il ricordo;
  3. D’ora in avanti, quando sentirai o troverai una citazione interessante, aggiungila subito a questo file (se sei davanti al computer) o appuntala sul tuo diario per non dimenticarla e scriverla in un secondo momento;
  4. Quando inizierai ad avere più di una cinquantina, allora potrai iniziare a suddividerle e catalogarle. Per farlo, ti consiglio di dedicare la prima pagina del file di word all’indice delle categorie, come ad esempio “forza di volontà”, “altruismo”, “risultati”, “focus”, “soldi”, ecc; ognuno ha i propri gusti in fatto di categorie, quindi non c’è una scienza esatta! Il fatto però di aver creato questo indice, ti renderà facile capire dove puoi aver archiviato una citazione e al contempo ti sarà utile per sapere dove inserire quelle nuove che raccoglierai.

Iniziando ad usare le citazioni vedrai crescere in te capacità impensabili e soprattutto, vedrai la tua vita andare sempre di più nella direzione dei tuoi desideri!

Mi piacerebbe confrontarmi con te, conoscere le tue esperienze e perché no, avere tuoi consigli per crescere in questa mia esperienza Zeniale. Puoi lasciare un tuo commento qui sotto, ti risponderò con piacere.

To do list: una soluzione pagata 100.000 dollari

Diario - To do list più riflessioni

Come organizzare una lista delle cose da fare per raggiungere diversi obiettivi nell’arco della giornata

Alla fine del secolo scorso Charles Schwab era l’uomo più ricco del pianeta. Un giorno un giovane gli si avvicinò chiedendogli: “Mr. Schwab, ho un’idea che credo la aiuterà a risparmiare diverse ore ogni giorno. E’ così geniale che intendo svelarla proprio a lei. Le chiedo di metterla in pratica solo per un mese e poi pagarmi quanto crede sia il suo valore”.

Mr. Schwab accettò la sua proposta e un mese dopo diede al giovane 100.000 $ (parliamo di inizi del 1900, quindi una cifra veramente enorme per l’epoca!).

Vuoi sapere quale geniale idea rivelò il ragazzo al grande magnate dell’acciaio?

E’ semplice ma molto efficace (e redditizia):

A fine giornata, scrivete le cinque cose più importanti da fare per il giorno dopo

“Sicuramente un bel sistema, ma ho così tante cose da fare che 5 al giorno a me non basterebbero proprio”; sei stai pensando questo, ti confesso che anch’io pensai la stessa cosa quando lessi di questa storia. Ormai da anni usavo un programma online abbastanza complesso per gestire le mie liste di cose da fare e mi sembrava impossibile poter passare ad un foglio di carta con una “to do list” di soli 5 punti.

Ma poi mi chiesi: se ha funzionato per un capitano di impresa, possibile che non funzioni per me? E così decisi di mettere da parte i miei pregiudizi e provare perché, in fondo, se da un lato il sistema che avevo mi faceva sentire al sicuro, dall’altro mi costava diversa fatica e tempo farlo funzionare.

Com’è andata a finire? Che ormai sono anni che gestisco la mia giornata su un foglio di carta del mio diario.

Perché questa lista di cose da fare è così efficace?

•  Ti permette di focalizzarti sulle cose importanti. Se hai mai tenuto una lista di tutte le cose che devi o che vorrai fare, sai bene che essa può tranquillamente contenere diverse centinaia di voci. Questo sistema ti dice di scegliere le 5 COSE PIù IMPORTANTI da fare ogni giorno. Non le cinque più facili o le cinque che preferisci fare, bensì le cinque cose che sai di dover fare o perché sono urgenti o perché sono quelle che più ti spingono nella direzione dei tuoi obiettivi.

•  Ti fa svegliare con una vera carica di motivazione. Un segreto delle persone di successo, è quello di svegliarsi con la voglia di iniziare la giornata. E da cosa deriva questa “voglia”? Dal fatto di sapere che la giornata che stai per vivere, proprio perché organizzata con criterio, ti avvicinerà di più ai tuoi obiettivi/desideri.

•  Non è difficile da usare ma da grandi risultati. Come ti dicevo, per anni ho avuto un sistema informatico abbastanza complicato per la gestione delle mie liste di cose da fare; se da un lato questo sistema mi dava appunto sicurezza, dall’altro ti assicuro che era un vero e proprio lavoro tenerlo in funzione. Il passaggio ad una lista fatta su carta, di soli 5 punti, mi ha permesso di risparmiare un sacco di tempo ogni giorno e in più non mi ci è voluto tempo a studiare il manuale di istruzioni, come nel caso del programma di gestione delle liste che usavo. Ah, a te basterà leggere fino in fondo questo post per imparare il sistema della lista in 5 punti

•  Ci aiuta a non farci distrarre da ciò che ci circonda. Siamo quasi tutti praticamente “vittime” di continue richieste, siano esse di attenzione che materiali. Avere ben chiaro in testa che a fine giornata, per sentirci soddisfatti, dobbiamo aver completato la nostra lista di cose da fare ci renderà meno sensibili alle distrazioni e aumenterà di molto la nostra efficacia personale.

Semplifica: una stessa to do list per la vita e per il lavoro. Anche qui, in barba a quei complicati sistemi che ci aiutano a gestire la nostra produttività personale e che ci suggeriscono spesso di gestire in maniera separata la vita lavorativa e quella privata, il metodo delle 5 cose importanti da fare non fa distinzione. Se una cosa è importante da fare, che sia di lavoro o personale, andrà nella lista della giornata senza particolari divisioni. Ecco un altro caso di semplificazione che aumenta l’efficacia.

Come fare la to do list in 5 punti praticamente?

Nel mio caso, come puoi vedere qui sotto in foto, io utilizzo un diario.

 Diario - To do list più riflessioni

Ogni giorno, inizio una nuova facciata scrivendo in alto a destra la data, mentre a sinistra faccio l’elenco delle 3 / 5 cose da fare in quel giorno.

Al di sotto della lista lascio poi qualche riga vuota, per eventuali “cose da fare” che dovesserò nascere durante la giornata, e poi il resto dello spazio lo uso per annotare (riflessioni, idee, progetti, ricette, ecc…).

Se tu non usi un diario, perché magari lo trovi ingombrante, potresti decidere di usare dei fogli volanti per ogni giornata e poi gettarli o archiviarli, così da avere uno storico di ciò che hai fatto. Se invece sei un utente Hi-Tech, allora potrai usare un foglio di blocco note del tuo cellulare senza, mi raccomando, andare a usare complicati software di to do list.

Una cosa importante da ricordare: può capitare che non riusciamo a fare tutte le cose che ci siamo ripromessi di fare; nessun male, le voci avanzate saranno le prime voci inserite nella lista di domani 😉

Cosa manca per far sì che questo sistema sia veramente efficace? L’azione, il Fare! Ecco ricordati che, senza azione e cioè senza portare a termine gli obiettivi che ti dai questo sistema di to do list, come qualsiasi altro, perde efficacia o meglio “non ha alcun valore”.

Adesso, se vuoi, puoi passare subito all’azione e iniziare a mettere alla prova questo sistema. Vedrai che i risultati ti stupiranno.

Se ti va, lasciami un commento per farmi sapere cosa ne pensi o per condividere con gli altri la tua esperienza in materia di “liste di cose da fare”.

Foto Zenio.it

Auto-disciplina: esercita una severità amica

Vediamo come un uso intelligente dell’auto-disciplina, che io chiamo “severità amica”, potrà farti raggiungere qualunque tuo obiettivo.

Nel film “Il guerriero di Pace” (che ti consiglio di vedere), il protagonista Dan aiuta il suo Maestro di Vita Socrate nel suo lavoro a una pompa di benzina; durante un rifornimento, al momento di lavare il vetro di una macchina, il Maestro ne approfitta per spiegare a Dan cos’è la Saggezza: “Dan, sai pulire un vetro?”, “si” risponde lui; “Bene, la Saggezza sta nel farlo”.

Ecco quindi che, in maniera semplice, capiamo cos’è la Saggezza: fare le cose che dobbiamo fare, al meglio delle nostre possibilità!

E cosa serve per riuscire a “fare le cose che dobbiamo fare”, soprattutto al meglio di noi stessi? L’auto-disciplina, quella che io chiamo “la Severità Amica”.

Le persone Sagge, non fanno le cose che considerano più comode o più facili! Si sforzano invece di realizzare, al meglio delle loro possibilità, le cose che sanno di dover fare. Ed è proprio questa loro pratica a consentirgli di diventare persone appagate e di successo.

Ma perché mi piace chiamare l’auto-disciplina “Severità amica”? Perché è innegabile che si tratta di accettare di fare cose che spesso non ci piacciono o che comunque ci richiedono molta fatica. Detto ciò, per convincerti che ne vale la pena, voglio parlarti di cosa riceverai in cambio di questa fatica…

Cosa otterrai grazie all’auto-disciplina

Con la pratica della Severità Amica potrai perdere quei chili di troppo che da anni ti danno fastidio, o accumulare i soldi necessari a realizzare un tuo desiderio, o diventare un partner migliore, o apprendere una nuova lingua… non c’è limiti a quello che potrai fare!

Senza auto-disciplina invece, non riuscirai a raggiungere obiettivi importanti, la tua felicità sarà sempre in balia degli eventi, non avrai la forza per affrontare le situazioni difficili e soprattutto ti abituerai ad accontentarti di ciò che “passa la Vita” e non di ciò che vuoi tu.

Senza Disciplina non ci può essere crescita personale

Senza l’auto-disciplina, che ti porta a fare tutto ciò che è necessario fare per raggiungere un obiettivo, qualunque tecnica o capacità speciale è del tutto inutile…

Molto probabilmente avrai già conosciuto persone che, relativamente ad un loro problema, sapevano tutto ciò che c’era da sapere per venirne fuori; eppure, erano ancora lì, senza aver risolto nulla di che.

A me è successo quando volevo perdere peso. Avevo deciso di “spargere la voce” tra amici e conoscenti, così che non avrei più potuto tirarmi indietro, pena una brutta figura. La cosa che allora mi stupì, era vedere quante di queste persone avevano conoscenze e informazioni di qualità sul perdere peso: chi sapeva tutto sull’indice glicemico, chi sullo sport migliore per bruciare calorie, chi sulla dieta proteica… ci fu però una cosa che mi stupì ancora di più: molti di loto erano chiaramente in sovrappeso!

“Ma come, sai così tante cose sul come mettersi in forma e non fai nulla per applicarle su di te?”, ecco ciò che pensai. In realtà, negli anni, ho capito che non è così facile come sembra e che la parte più difficile nel raggiungere un obiettivo, spesso, non è quella di acquisire le capacità bensì quella di applicare tali capacità.

Ora, tirando le somme, dobbiamo imparare a tenere in mente che se vogliamo andare verso la Vita che desideriamo, dobbiamo esercitare giornalmente la nostra auto-disciplina e mettere in conto che questo richiede sacrificio.

La vita che stiamo vivendo è frutto delle scelte che abbiamo fatto in passato, ma soprattutto delle azioni che abbiamo intrapreso. Questo è valso per il passato e varrà uguale per il nostro futuro.

La bella notizia è che l’auto-disciplina è come un muscolo: quindi, man mano che la eserciterai facendo quello che sai di dover fare, essa diventerà sempre più forte e di conseguenza diventerà per te sempre più facile avere la forza per “spingere verso i tuoi obiettivi” la Vita!