Cambiare Vita, dire basta: intervista a Marco Zautzik

Cambiare Vita e smettere di fare cose che non ti soddisfano per dedicarti a fare quello che ti piace, è una scelta forte e importante, ma decisamente non facile da mettere in pratica!

In diversi, però, ci sono riusciti e nell’articolo di oggi sono andato a intervistare una di queste persone, per chiedergli di raccontarci la sua storia e soprattutto per avere da lui dei consigli pratici su come possiamo muoverci per cambiare le nostre Abitudini e realizzare la Vita che vogliamo.

Ti presento: Marco Zautzik, trentunenne romano, attore, umorista, regista dei propri spettacoli, ma anche formatore, scrittore e imprenditore, sia nel ramo artistico che commerciale.

Come ormai sai, Zenio.it vuole aiutarti a crescere in maniera Geniale, ma attraverso una modalità Zen (=Semplice); è questa la caratteristica che lo distingue da qualsiasi altro valido sito dedicato alla crescita personale: l’approccio, cioè darti strumenti e idee per migliorare in maniera Importante, ma senza complicarti la Vita e senza stress!

E per quanto un cambiamento del genere possa sembrati difficile (adesso), puoi star certo che, se ci seguirai, leggerai le storie dei nostri corsisti e ti metterai tu stesso all’opera, scoprirai che è davvero tutto alla tua portata e più Semplice di quanto credevi.

Non mi dilungo oltre, puoi cliccare qui per scaricare l’audio-intervista Gratuitamente, oppure puoi continuare a leggere l’articolo con il riassunto di ciò che Marco ci ha detto durante la registrazione.

Allora, Marco: sei un personaggio incredibile, un artista e una persona che emana energia da tutti i pori. Il tuo entusiasmo già nel tono della voce mette allegria e sono certo che la tua esperienza sarà illuminante e uno sprono per molti degli amici di Zenio.it. Raccontaci, allora, “da dove vieni”: quali sono le tue esperienze, quale la tua formazione e soprattutto qual è il percorso che ti ha portato ad accumulare (a poco più di 30 anni!) il tuo bagaglio così “pesante” e variopinto? Quali risultati hai ottenuto?

Scherzi a parte, in effetti non è stato un cammino facile, né tanto meno lineare: chi desidera fare l’artista ha davanti a sé un tragitto a zig zag e, a volte, è persino costretto a tornare un po’ indietro. Ho studiato scienze politiche; poi, dopo la laurea fui assalito dal disorientamento più completo! Una parte di me mi spingeva a coltivare la propensione artistica, ma un’altra mi tratteneva; ho vissuto davvero una profonda crisi interiore, lavorando un po’ in banca e poi nel turismo, finché un giorno mi tornò alla mente “la mia scintilla”, fortissima: la prima volta che vidi Alessandro Bergonzoni recitare dal vivo.

In quell’occasione – ricordo – mi dissi: “Io sarò lui! Cioè, mi esprimerò con la sua stessa libertà e cercherò di trasmettere la mia energia al prossimo attraverso il linguaggio artistico”. Quando ripensai a quel momento, capii e accettai che non avrei di certo potuto mettere a frutto tutto il mio valore se non nel campo dell’arte. Quindi, ricominciai da capo: mi iscrissi al corso di recitazione con l’obiettivo specifico di fare uno spettacolo inedito a teatro. 3 anni dopo, ero sul palco con il mio spettacolo scritto interamente da me, “Sfoghi d’artificio”.

Da quel momento è cominciata la mia vera formazione e tutti gli anni a venire sono stati di costruzione continua; non ho mai smesso di dedicare energia e denaro a formarmi e, oggi, investo nel campo immobiliare per potermi permettere con i miei guadagni di fare arte serenamente e con libertà, valorizzando la mia dote e constatando risultati davvero eccellenti, sentendomi un professionista appagato e gratificato. Dalle mie esperienze ho imparato che la realizzazione personale è una sfida che non si può non cogliere, perché ne va della gioia suprema della nostra vita.

I 4 PASSI PER CAMBIARE VITA

Il percorso è duro ma la consapevolezza di stare facendo la propria strada è in grado di farci ridimensionare anche la sofferenza incontrata nelle difficoltà.

1. Scopri il tuo Talento

Il passaggio fondamentale è interiore: capire dove sta il tuo talento, la tua unicità. Se stai facendo qualcosa che non “senti”, chiediti se vale davvero la pena seguire una strada che ti condurrà solo fino a un certo punto.

Io pensai che non ne valesse la pena; perciò ho fatto un tuffo più profondo in nome della mia natura, perché la ricchezza vera si trova dentro di noi. Se riesci a mettere in moto le tue più potenti e speciali energie, puoi davvero compiere una svolta di valore.

2. Cambia Abitudini: esprimi e condividi il tuo Talento

Devi capire il modo migliore attraverso cui esprimere la tua unicità. Ognuno dentro si sé lo sa; purtroppo la parte difficile sta nel seguire quell’impulso. Quando vidi per la prima volta Alessandro Bergonzoni, già avevo in me i germi di ciò che poi ho realizzato; ma non ci credetti da subito.

Ciascuno di noi ha per natura, nel proprio cuore, un fuoco che arde. Diventa determinante, a tal proposito, il lavoro dei formatori: essere in grado di creare le condizioni adatte per dare la possibilità ai ragazzi di potersi esprimere in completa serenità riguardo ai propri sogni e alle proprie ambizioni è essenziale.

Sto pensando, Christian, ai tuoi studenti del ComeSistudia CAMPUS: il tuo supporto per loro è fondamentale perché sei il loro primo alleato, aiutandoli anche ad avere fiducia nei loro talenti. Una volta individuata la propria dote, la si deve poter condividere e, per questo, c’è bisogno di circondarsi di persone in grado di supportarci: comprensione, tempo e pazienza sono elementi imprescindibili per affrontare qualsiasi percorso di miglioramento e crescita, sia personale che professionale.

3. Dedicati alla Formazione per migliorare le tue Azioni

Serve, poi, un piano d’azione, una strategia per perseguire i risultati. Pianifica i tuoi obiettivi, avendo ben chiara una meta cui tendere con determinazione. Anche la legge dell’attrazione sta dalla tua parte: abbandonati un po’ a ciò che succede, ballaci in mezzo…

Ma, soprattutto: formati. Credo che i ragazzi abbiano bisogno di una linea da seguire, una strada, corsi di formazione, insomma: è necessario lavorare sulla cultura, servono strumenti efficaci; oggi più di ieri, per stare al passo. Il livello medio si è alzato; a me la laurea non è bastata, così come a un sacco di miei coetanei (ho visto un articolo su Zenio.it proprio in merito a questo argomento).

La parola d’ordine è “allargare”: la mente, le proprie conoscenze, la propria sete di sapere, imparando a pensare di più e meglio, restando sempre aggiornati, trovando nuove soluzioni ai problemi che si incontrano sul percorso verso la propria realizzazione personale.

4. Trasforma il Talento in una Professione

Questo ultimo passaggio consacra davvero la nostra unicità, perché trasformare il proprio sogno in una professione vera a e propria dà enormi e ineguagliabili soddisfazioni. Rende appagati, ma soprattutto carica di ulteriori intense energie, da spendere in una prospettiva futura di crescita. Tutto ciò non fa sentire “arrivati”, anzi: permea di nuove idee e spinge ad andare oltre, a spostare sempre un po’ più in là quel limite che si sarebbe incontrato troppo presto facendo qualcosa per cui non siamo nati e per cui non ci sentiamo portati.

IL VALORE AGGIUNTO DELLA FORMAZIONE

Marco, che strategia Zeniale! E, a ben vedere dalla tua esperienza, funziona eccome. A proposito della formazione, però, dacci un consiglio: quand’è che si è pronti per partire? Nella nostra epoca, satura di informazione, non bisognerebbe mai smettere di aggiornarsi per imparare e poi trasmettere elementi nuovi e di valore. Quanto ci si deve formare per fare le cose bene?

Chi ha a cuore la formazione non smette mai. Pensando al ruolo specifico del formatore, comunque, non deve essere un tuttologo: il suo merito principale è il fatto di riuscire a creare uno spazio di formazione, che per essere utile va condiviso.

Il tuo Corso sul Metodo di Studio è un ottimo esempio di ciò che intendo: mettendo a sistema tutte le informazioni per i tuoi studenti e trasferendo loro le tue competenze, stai creando uno spazio di lavoro formativo davvero importante. L’incontro tra i tuoi studenti e te, nel Campus o in corsi dal vivo, compie la definitiva magia: un momento in cui si condividono energie e si cresce insieme, ognuno rispettando il momento del percorso in cui si trova.

Nel mio campo, il teatro, ciò che intendo è evidentissimo: a un certo punto si sale sul palco, e il pubblico collabora sempre! Non è lì per giudicare la preparazione dell’artista, ma è grato della possibilità di vivere quell’esperienza; il pubblico premia. Esistono i ruoli, ma in fondo ci servono solo per creare questo spazio.

4 CONSIGLI PER STUDIARE E FORMARSI

Grazie, Marco, per aver chiamato in causa i miei studenti del Campus; a tal proposito, vuoi dar loro – e a noi tutti – qualche consiglio Zeniale per affrontare il percorso verso la crescita del nostro Talento anche nei momenti più difficili, quando entusiasmo ed energie latitano?

1. Appassionati allo Studio

Trovare amore e passione verso lo studio, gioia e divertimento nel condividere la cultura che si apprende: questo è il mio primo consiglio. Formazione e cultura sono importanti e quando si scopre davvero che apprendere è una cosa bella, aumentano gli stimoli a impegnarsi.

2. Condividi ciò che sai, aiuta gli altri a formarsi

Un altro consiglio è quello di condividere la propria cultura con gli altri, contribuendo così anche ad alzare il livello. Imparare, sapere, conoscere… è figo, ragazzi!

3. Devi avere un Metodo di Studio Solido!

Mi sento di consigliare, inoltre, di impegnarsi a coltivare e a far fruttare un buon Metodo. La mente ha bisogno di certi e solidi punti di appoggio; si può poi compiere qualche trasgressione alla regola – come ho fatto io, per mancanza di tempo, purtroppo -, ma conoscere un metodo è fondamentale per riuscire meglio e gestire l’ansia nei momenti di preparazione alle prove.

D’altra parte, questo non vale solo nella carriera di uno studente: anche a teatro i copioni servono ancora!

4. Rifletti e capisci come migliorare

Lavorare interiormente è la cosa principale: dobbiamo rimettere il lavoro su noi stessi al centro delle nostre vite. Pare terribile, oggi giorno, fermarsi a pensare! Invece, non solo non è una perdita di tempo, ma soprattutto ci dà energia e forza per avere e conservare il giusto atteggiamento, specialmente nei momenti duri.

Chiunque semina, in qualche modo, ricurva la schiena: la fatica fa parte del gioco, ma alla luce dei risultati, si finisce per affezionarsi a anche a quella.

Una Zeniale conclusione a questa intervista, per cui ti ringrazio molto e che sono certo avrà messo in moto il desiderio della ricerca del Talento migliore in ognuno di voi.

Per continuare a restare aggiornati sul lavoro dell’artista Marco Zautzik, visitate il suo sito http://www.marcozautzik.i e https://www.facebook.com/www.marcozautzik.it.

Da ultimo, se anche questa seconda conferenza di Zenio.it ti è piaciuta, ti invito calorosamente a condividerla con i tuoi Amici attraverso i tasti social che trovati qui sotto, per influenzare positivamente le persone intorno a te con pensieri Semplici ma Geniali!

Se, poi, senti il bisogno di un buon Metodo di Studio, visita il sita www.comesistudia.it e scarica il Video Gratuito “Studia in 3 Passi”, potrai così scoprire come il tuo cervello può darti ottimi se solo sai come usarlo!

Una risposta a “Cambiare Vita, dire basta: intervista a Marco Zautzik”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *