Combattere Ansia e Stress: le 3 tecniche Zeniali che uso da anni

Combattere Ansia e Stress: le 3 tecniche Zeniali che uso da anni
Problemi di lavoro, instabilità economica, rapporti personali in crisi, meno sicurezze… Tutte situazioni che nella maggioranza delle persone generano Stress e Ansia. Ecco le 3 tecniche Zeniali che uso da anni per sfruttare questi stati interiori a mio favore.

Lo Stress e, spesso, l’Ansia si generano ogni qual volta ci troviamo ad affrontare una situazione che potrebbe minare i nostri equilibri e sentiamo che le nostre risorse potrebbero essere insufficienti per affrontare la situazione stessa.

Quando questo succede, proviamo sensazioni che sono diverse per ognuno di noi e che vanno dalla chiusura di stomaco, al mal di testa, alla tachicardia fino ad arrivare, nel caso di condizioni fortemente destabilizzanti, all’ansia cronica se non addirittura alla depressione.

Si direbbe che lo Stress e tutte le reazioni appena viste non possono che essere considerate negative! Ma la realtà è ben diversa…

Ma prima di andare a conoscere meglio lo Stress e l’Ansia e capire come muoverci per sfruttarli a nostro favore, ci tengo a fare con te una riflessione, con l’obiettivo di farti diventare più amici, sin dall’inizio, questi stati interiori.

Ti chiedo di ripensare ad una prova che hai superato con risultati positivi nel corso della tua vita o, se ti viene più facile, a quando hai visto qualche persona a te vicina superare una prova importante. Ora, sicuramente avrai notato che prima di una prestazione si percepisce sempre un certo Stress e si hanno spesso gli stessi sintomi di cui abbiamo parlato sopra (sudorazione, chiusura di stomaco, un po’ di paura, voglia di abbandonare!).

Eppure, nonostante quelle sensazioni apparentemente “negative”, tu o la persona cara a cui stai pensando avete superato positivamente quella prova. O meglio, se ci pensi bene, è proprio grazie a quelle sensazioni che la prova è stata superata, perché i vostri sensi erano allertati e il 100% delle vostre potenzialità era pronto ad essere speso per dare il meglio.

Il problema si crea quando lo stress degenera in forte Ansia e tutte le sensazioni di prima si amplificano e vanno fuori controllo! In questo caso, lo Stress diventa un reale problema e non un acceleratore di risultati, inibendo le nostre capacità di pensare o agire e facendoci scivolare verso lo sconforto.

Questo articolo ha lo scopo di far sì che tu possa imparare ad usare lo Stress a tuo vantaggio e a fare in modo che non diventi una fonte di difficoltà.

Lo Stress e l’Ansia, conosciamoli meglio

Come dicevo all’inizio, lo Stress e, di conseguenza, l’Ansia si generano quando sentiamo che il nostro equilibrio è minacciato e che le nostre risorse, interne e/o esterne, potrebbero essere insufficienti per affrontare la situazione nel breve tempo.

Quando capitano queste circostanze, il nostro fisico reagisce istantaneamente facendo si che: gli ormoni come il cortisolo si moltiplichino nel nostro sistema, facendo così aumentare immediatamente il battito cardiaco e il respiro. Da un punto di vista mentale, poi, diventiamo più attenti e focalizzati sulla situazione e sulle sue possibili evoluzioni (positive/negative).

Quindi, in realtà, la reazione fisica e mentale allo Stress è una cosa naturale e positiva perché ci permette di dare il meglio di noi, aiutandoci anche a fare cose che, senza Stress, saremmo portati a non fare.

Vuoi un esempio? Pensa a chi deve studiare per un esame poco interessante: sarebbe un’impresa pressoché impossibile, se non vi fosse una spinta sottostante data dall’ansia di non riuscire a laurearsi o dall’idea di fare una brutta figura con gli amici o con i genitori.

Il problema sorge quando lo Stress va “fuori controllo” tramutandosi da acceleratore delle nostre potenzialità a inibitore delle stesse, gettandoci appunto in situazione di Ansia cronica, di Panico o addirittura di Depressione.

E cos’è che determina se lo Stress è positivo o negativo? Il nostro cervello o, meglio, la nostra capacità di dare un significato alle situazioni che minacciano il nostro equilibrio. E questa capacità, intendiamoci, non è innata ma deve essere coltivata da ognuno di noi con costanza, giorno dopo giorno.

Dobbiamo allenarci a vedere le situazioni in maniera più “fredda”, dobbiamo allenarci a sentirci padroni delle situazioni nuove/negative e sentire dentro di noi che possiamo gestirle. Più questo allenamento sarà intenso, maggiori saranno le situazioni in cui lo Stress che proverai sarà in grado di aiutarti al posto di paralizzarti o farti vivere male.

Ed eccoci quindi arrivati alle strategie che ho messo insieme e che seguo quasi giornalmente per allenarmi a usare lo Stress a mio favore.

Andiamo…

Come combattere Stress e Ansia, o meglio Come usarli a nostro favore

1) Muoviti e respira profondamente per rilassarti

Anche se può sembrarti strano, la prima cosa da fare quando senti che lo Stress inizia a “salire” è iniziare a muoverti. Se puoi, la cosa migliore è passeggiare all’aria aperta, cercando di ossigenarti al meglio, per una quindicina di minuti.

L’ossigeno e il movimento fisico aiutano in maniera istantanea il nostro cervello a farci sentire più forti, reattivi e capaci di affrontare le situazioni destabilizzanti.

Vuoi una prova immediata del potere del nostro fisico sui nostri pensieri? Alzati in piedi, apri la finestra e inizia a saltellare con intensità sul posto. Dopo una quindicina di secondi, prova a fare una faccia triste mentre continui a saltellare. Prova… e scoprirai che ti sembrerà stranissimo se non difficile farlo, perché un corpo in movimento e ricco di ossigeno non lascia a spazio a condizioni “negative” nel cervello 😉

2) Assumiti le responsabilità di come andranno le cose!

Questo punto è oggi la mia forza… Ma devo dire che mi c’è voluta tanta applicazione per riuscire a farlo mio.

Come dicevo prima, lo Stress e le sue manifestazioni più forti, come l’ansia cronica, nascono dal fatto che ci sentiamo incapaci di gestire le situazioni che ci coinvolgono. E così ci arrabbiamo o iniziamo addirittura a stare male…

Se vuoi che questo non ti capiti sempre meno, il consiglio che ti do è: assumiti la responsabilità di come andranno le cose… Anche se pensi non dipenda da te.

Facciamo un esempio: ho un problema con il mio capo, che mi rende le giornate impossibili a causa di suoi problemi personali che non dovrebbe portare al lavoro.

Da un lato la reazione istintiva potrebbe essere dire: “Ma che ci posso fare io se lui ha problemi? È ingiusto che li faccia pesare su di me. Anzi, è proprio uno schifo”. Dall’altro, un pensiero del genere non farebbe altro che farti provare impotenza di fronte alla situazione e quindi anche Stress che potrebbe degenerare in sensazioni più negative.

Ciò che ti consiglio di fare è di assumerti la responsabilità di ciò che accadrà da quel momento in poi e di pensare una cosa simile a questa: “Okay, lui ha i suoi problemi… Ma come posso io aiutarlo a stare meglio e quindi a comportarsi meglio sul lavoro?”. Oppure, se la condizione è veramente “forte” o non hai la confidenza necessaria, potresti dirti: “Okay, nessuno mi sta minacciando di rimanere a lavorare in questo luogo; la porta è aperta e se non la prendo è perché, molto probabilmente, non ho il coraggio. Quindi meglio che mi concentro su di me e sulle mie paure, ci lavoro, e così arriverò ad avere la capacità di fare le scelte giuste e intraprendere una strada migliore”.

Capisci cosa voglio dire? Trova sempre una maniera per sentirti responsabile della situazione che stai vivendo!!! Così il tuo cervello troverà delle soluzioni e soprattutto non ti farà sentire “vittima”… In questo modo avrai tenuto lontani l’Ansia e altri stati negativi.

3) Agisci e ottieni un risultato positivo nel più breve tempo possibile.

È arrivato il momento di dimostrare a noi stessi che siamo padroni della situazione e che siamo anche in grado di agire velocemente per far andare meglio le cose.

Come fare? Agendo, facendo un piccolo passo concreto verso il risultato che vogliamo ottenere.

Facciamo come sempre un esempio: se, come dicevamo, ho problemi con il mio capo che porta i suoi problemi sul lavoro, posso decidere di andargli a parlare di qualcosa che so gli fa piacere o chiedergli se ha voglia di parlare.

Se invece mi sono deciso a “dire basta” e a valutare di lasciare il mio posto di lavoro, un “prossimo passo concreto” potrebbe essere quello di andare immediatamente alla ricerca di offerte di lavoro nel mio campo di impiego e stilare una lista di contatti a cui inviare il mio CV.

Ora che sai come funziona lo Stress e come muoverti per usarlo a tuo vantaggio in 3 semplici mosse, ricordati che la differenza la farai solo ALLENANDOTI! Esatto, cerca ogni situazione per mettere in pratica le 3 strategie e se non ne trovi di utili… Inventa, usa la tua creatività. Così, quando ne avrai bisogno, avrai pronta la tua abilità di gestione positiva dello Stress.

Hai trovato utile questo articolo? Hai dei suggerimenti o delle tecniche che usi e che si possono sommare a quelle presentate qui sopra? Io e gli altri amici della comunità di Zenio.it siamo desiderosi di ascoltare la tua esperienza. Scrivici nei commenti!

Christian

Ogni giorno mi impegno affinché Zenio.it possa crescere ed essere una fonte di ispirazione positiva per tutti i suoi lettori. Il mio obiettivo è quello di aiutare e ispirare sempre più persone. Per questo, se i contenuti ti sono piaciuti, ti chiedo di aiutarmi a far conoscere Zenio.it ai tuoi contatti tramite i social network: basta un click sui tasti qui sotto e un tuo breve commento sul perché visitare Zenio… E il gioco è fatto. Io ti ringrazio e ti auguro il meglio.

Foto di: Bark

Commenta

© Zenio.it è della Limit Free di Christian Roncarolo P.IVA 10251740014.
Tutti i contenuti sono sotto licenza creative commons

Scroll to top